Famiglia = Risorsa insostituibile

(Contributo Fondazione Comunitaria del Varesotto – 2011)
La realizzazione del progetto “Famiglia = Risorsa insostituibile”, curato dalla Fondazione Felicita Morandi in collaborazione con l’Associazione “IL PASSO” onlus (suo braccio operativo) nella gestione dei servizi diretti alla cittadinanza, è stata resa possibile dal finanziamento ottenuto dalla Fondazione Comunitaria del Varesotto.
Il progetto, che si è svolto dal mese di settembre 2011 al mese di luglio 2012 presso la “Casa di Accoglienza di Cittiglio”, ha permesso di incrementare il patrimonio umano e relazionale dei minori in difficoltà consentendo loro di fare esperienza, all’interno di una famiglia “altra”, di legami affidabili e quindi generativi.
La “Casa di Accoglienza di Cittiglio”, oltre ad aver ospitato dei nuclei mamma-bambino, è anche diventata un luogo d’incontro per un gruppo di famiglie che già vivono l’esperienza dell’affido familiare o dell’adozione ed ha potuto accogliere anche alcune famiglie che hanno mostrato una potenziale disponibilità ad intraprendere questo percorso.

Il progetto “Famiglia = Risorsa insostituibile” ha permesso la realizzazione delle seguenti azioni:
promozione delle risorse del gruppo di famiglie, sostenendo il processo di crescita del
gruppo stesso;
prevenzione di alcuni disagi che hanno le loro origini nei processi educativi all’interno della
famiglia;
promozione della salute della famiglia, attraverso momenti di scambio che hanno avuto
come fine il ridimensionamento delle crisi fisiologiche ed evolutive che la famiglia, lasciata
da sola, vive in maniera drammatica;
il rafforzamento delle competenze educative dando una direzione di senso all’agire
quotidiano;
lo sviluppo dell’empowerment, con un focus sulle risorse anziché sui deficit, realizzato
in un’ottica sia educativa che promozionale rivolta al sostegno e all’accompagnamento
delle famiglie realizzando un percorso in cui la famiglia diventa soggetto attivo del proprio
cambiamento;
il rafforzamento delle capacità di coping e di adattamento delle famiglie;
la promozione di una cultura della genitorialità collettiva e dell’essere famiglia radicata nella società;
La promozione della cultura della “solidarietà”, centrata sull’aiuto sia del nucleo nel suo
complesso, sia dei componenti più deboli di esso.

Questo progetto è scaturito dall’esperienza maturata dalla Fondazione Felicita Morandi, che da anni si è posta come realtà attenta ed attiva al sostegno ed alla promozione della solidarietà familiare, attraverso interventi di aiuto ai compiti sociali ed educativi della famiglia.

Descrizione dell’attività svolta

Il progetto prevedeva l’offerta di interventi educativi che si collocano tra i cosiddetti servizi di prevenzione primaria, finalizzati ad aumentare la forza e la stabilità delle famiglie, ad aumentare la fiducia dei genitori nelle loro capacità educative, ad aiutare i figli a crescere in contesti sociali aperti, ricchi di scambi e supportivi.
Si sono creati spazi e tempi riservati ai genitori in cui si è sviluppata e consolidata la fiducia nelle competenze genitoriali, spazi in cui si sono condivisi i problemi comuni che creano situazioni d’ansia e che hanno permesso di trovare soluzioni proprie, personali, adatte allo stile della famiglia.